19 | 09 | 2017
Laurea magistrale a ciclo unico Stampa E-mail
  • Classe di Laurea: LMG/01 giurisprudenza
  • Tipo di corso: Ciclo unico/Magistrale
  • Area didattica: Giurisprudenza
  • Scuola: Scuola delle Scienze Umane e Sociali
  • Dipartimento: Dipartimento di Giurisprudenza
  • Durata: 5 anni
  • Accesso al Corso: Libero
  • Coordinatore: prof. Aurelio Cernigliaro
  • Sito Web: www.giurisprudenza.unina.it
  • Ufficio Segreteria Studenti: Segreteria Studenti Area didattica Giurisprudenza
  • Sportello di Orientamento:
    • Sede: Via Marina,32 - 80134 - Napoli
    • Telefono: 081-2534331
    • Fax: 081-5523852
    • e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
    • Referente: prof. Valeria Marzocco
  • Obiettivi specifici:

    Il corso di laurea magistrale in Giurisprudenza mira a far conseguire:

    • a) elementi di approfondimento della cultura giuridica di base nazionale ed europea, anche con tecniche e metodologie casistiche, in rapporto a tematiche utili alla comprensione e alla valutazione di principi o istituti del diritto positivo;
    • b) approfondite conoscenze storiche che consentano di valutare gli istituti del diritto positivo anche nella prospettiva dell'evoluzione storica degli stessi;
    • c) capacità di produrre testi giuridici (normativi e/o negoziali e/o processuali) chiari, pertinenti ed efficaci in rapporto ai contesti di impiego, ben argomentati, anche con l'uso di strumenti informatici;
    • d) approfondite capacità interpretative, di analisi casistica, di qualificazione giuridica, di comprensione, di rappresentazione, di valutazione e di consapevolezza per affrontare problemi interpretativi ed applicativi del diritto;
    • e) il possesso in modo approfondito degli strumenti di base per l'aggiornamento delle proprie competenze.

    I laureati del corso di laurea magistrale, oltre ad indirizzarsi alle professioni legali ed alla magistratura, potranno svolgere attività ed essere impiegati, in riferimento a funzioni caratterizzate da elevata responsabilità, nei vari campi di attività sociale, socio-economica e politica ovvero nelle istituzioni, nelle pubbliche amministrazioni, nelle imprese private, nei sindacati, nel settore del diritto dell'informatica, nel settore del diritto comparato, internazionale e comunitario (giurista europeo), oltre che nelle organizzazioni internazionali in cui le capacità di analisi, di valutazione e di decisione del giurista si rivelano feconde anche al di fuori delle conoscenze contenutistiche settoriali.

  • Il corso di studio in breve:

    Il Corso di laurea Magistrale in Giurisprudenza a ciclo unico – classe LMG/01 – è attivo dall'a.a. 2006/2007. L'impianto del percorso formativo è stato definito dalla Facoltà/Dipartimento (delibere del Consiglio del 6 febbraio e del 20 aprile 2006) nell'esercizio dell'autonomia garantita dall'art.33 della Costituzione, autonomia espressamente richiamata nel decreto ministeriale 25 novembre 2005.
    Il corso di laurea LMG/01 è ordinato in cinque anni, senza cesure e senza discontinuità. Per essere ammessi al corso di laurea magistrale, occorre essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o altro titolo di studio riconosciuto idoneo. E' altresì richiesta una buona cultura generale, particolarmente nell'ambito storico-istituzionale e della storia del pensiero, affiancata dalla marcata attitudine al ragionamento astratto e sequenziale e da una sviluppata capacità di lavoro sui testi scritti complessi, nonché da elementi di conoscenza delle lingue straniere.
    Gli immatricolandi dovranno svolgere, anche per via telematica, una prova di valutazione, il cui esito non è vincolante ai fini dell'iscrizione, finalizzata a fornire indicazioni generali sulle attitudini dello studente a intraprendere gli studi prescelti e sullo stato delle conoscenze di base richieste.
    Al titolo finale di studio si perviene con il conseguimento di 300 crediti, suddivisi in 60 CFU per ciascun anno.Ciascun credito, pari a 25 ore di impegno complessivo, è ripartito, di massima e per quanto compatibile, in 8 ore di attività didattiche e/o formative - di cui non meno di 6 ore per attività didattica frontale - e 17 ore di studio individuale.
    Gli obiettivi formativi qualificanti, sulla traccia del Decreto ministeriale, trovano riscontro nelle discipline previste per la formazione di base e per quella caratterizzante; mentre per gli ambiti di materie affini e integrative sono previsti più insegnamenti a scelta degli studenti, con possibilità di attingerli anche da settori scientifico-disciplinari non contemplati nella tabella ministeriale. L'acquisizione di adeguate conoscenze e consapevolezze sugli aspetti istituzionali ed organizzativi degli ordinamenti giudiziari è affidata agli insegnamenti del Diritto processuale civile e del Diritto processuale penale; è previsto l'insegnamento obbligatorio di una lingua straniera; mentre compete al secondo insegnamento obbligatorio di Filosofia del diritto, dotato di 7 crediti, l'acquisizione della conoscenza dell'informatica giuridica, della deontologia professionale, della logica e argomentazione giuridica e forense, della sociologia giuridica. All'informatica giuridica è collegato un modulo di 3 CFU per abilità informatiche.
    Alla prova finale per il conseguimento della laurea magistrale, che richiede la presentazione di una tesi elaborata in modo originale, sono riservati 18 CFU.
    Il corso di laurea LMG/01 segue il modello di organizzazione della didattica per corsi di insegnamento compatti (c.d. semestralizzazione). I due semestri si svolgono rispettivamente: il primo da ottobre a dicembre, il secondo da marzo a maggio nelle aule del Dipartimento ubicate nell'edificio di Corso Umberto I dell'Ateneo, negli edifici di via Mezzocannone, nell'edificio di via Porta di Massa, nell'edificio di via Nuova Marina.
    Gli esami di profitto si svolgono nei seguenti mesi: gennaio, febbraio, marzo (3 appelli); giugno e luglio (2 appelli); settembre (appello per laureandi); ottobre (1 appello); novembre/dicembre (1 appello).
    L'ordinamento didattico consta di 27 esami di profitto (11 di base, 13 caratterizzanti, 3 a scelta) e una prova di idoneità per la conoscenza della lingua straniera. Afferiscono al corso di studio 139 docenti (42 professori ordinari, 36 professori associati, 61 ricercatori) e la copertura degli insegnamenti è prevalentemente interna.

    L'assegnazione degli studenti agli insegnamenti pluricattedre del CdS avviene secondo automatismi basati sulla ripartizione per lettere alfabetiche. Alla cattedra assegnata si resta vincolati per due anni accademici.

    Agli studenti che, per effetto della rotazione biennale, siano assegnati ad una cattedra diversa da quella di cui hanno seguito il corso di insegnamento, è data facoltà di sostenere l'esame sul programma della cattedra precedente.

  • Conoscenze richieste per l'accesso:

    Per essere ammessi al Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico occorre essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo.
    E' altresì richiesta una buona cultura generale, particolarmente nell'ambito storico-istituzionale e della storia del pensiero, affiancata dalla marcata attitudine al ragionamento astratto e sequenziale e da una sviluppata capacità di lavoro sui testi scritti complessi, nonché da elementi di conoscenza delle lingue straniere.
    Gli immatricolandi dovranno svolgere, anche per via telematica, una prova di valutazione, il cui esito non è vincolante ai fini dell'iscrizione, finalizzata a fornire indicazioni generali sulle attitudini dello studente a intraprendere gli studi prescelti e sullo stato delle conoscenze di base richieste.

  • Orientamento in ingresso:

    Le attività di orientamento e tutorato sono organizzate dal CdS secondo quanto stabilito dal RDA.

    In particolare, l'attività di orientamento si propone i seguenti obiettivi fondamentali:

    • riduzione degli abbandoni nei primi anni di corso;
    • riduzione della differenza tra durata effettiva e durata nominale del corso di studi;
    • riduzione del tempo di attesa di un impiego dopo il conseguimento del titolo di studio.

    Per il perseguimento di questi obiettivi sono previste tre fasi distinte:

    • Orientamento in ingresso;
    • Orientamento in itinere;
    • Orientamento in uscita.

    Il corso di studio fornisce supporti e attività di orientamento ai potenziali interessati attraverso:

    • la propria Pagina Web, nella quale sono reperibili le informazioni essenziali relative alle modalità di accesso, ai calendari e al piano di studio del CdS.
    • la Commissione Orientamento, preposta alle attività di orientamento pre-universitario, in itinere e di inserimento nel mondo del lavoro, che, con il supporto dell'Ufficio Area Didattica, opera in stretta collaborazione con i referenti delle scuole secondarie superiori, con le aziende e gli enti pubblici al fine di fornire indicazioni utili a rafforzare le motivazioni nelle scelte e nei vari passaggi del percorso didattico.

    Orientamento in ingresso

    Obiettivo dell'orientamento in ingresso è ridurre la distanza tra scuola ed università, ponendo in essere attività che consentano una migliore conoscenza reciproca e l'interscambio tra studenti, docenti delle scuole superiori e universitarie. La conoscenza più serrata della platea in ingresso, in termini sia quantitativi che qualitativi, mira a realizzare di per sè, come è evidente, un approccio più adeguato nella prima fase degli studi universitari ove si manifestano le maggiori difficoltà nei discenti per il mutamento della erogazione didattica. In tal modo, si opera al fine di rendere gli studenti maggiormente consapevoli delle scelte e di incidere, così, sulla riduzione della dispersione universitaria.

    Destinatari

    Studenti del IV e V anno delle Scuole Superiori di 2° grado.

    Attività

    • Nell'anno 2016 il Dipartimento di Giurisprudenza ha stipulato una convenzione di didattica integrativa con il Liceo Classico Umberto di Napoli nell'ambito dei percorsi di alternanza scuola-lavoro di cui alla L.107/2015, obbligatoriamente previsti nel piano triennale dell'offerta formativa come parte integrante dei percorsi di istruzione.

    La convenzione prevede sia l'accoglienza degli studenti presso il CdS per brevi periodi di apprendimento in ambiente lavorativo, sotto la supervisione di un docente-tutor individuato dal Dipartimento, sia la presenza del docente responsabile dell'accordo e di eventuali collaboratori della sua cattedra da lui individuati, presso le scuole allo scopo di impartire agli studenti degli ultimi anni un certo numero di lezioni di diritto, ad integrazione dei percorsi scolastici tradizionali.

    • Dal 2009 il Dipartimento organizza a settembre di ogni anno un ciclo settimanale di "Incontri introduttivi allo studio del diritto" per gli studenti neo-immatricolati allo scopo di presentare l'offerta formativa del Dipartimento ed i profili più significativi delle professioni legali.
    • Anche quest'anno il Dipartimento parteciperà tra fine settembre ed inizio ottobre al "Salone dello Studente campano" presso il Complesso Universitario di Monte S.Angelo, manifestazione di Orientamento di successo, ormai consolidato, che in due giorni riesce ad attrarre oltre 200 scuole secondarie di secondo grado e circa 28 mila studenti campani, iscritti agli ultimi due anni. L'iniziativa organizzata dal SOFTel in stretta collaborazione con il quindicinale ATENEAPOLI, con la partecipazione di altre Università della regione, rappresenta un importante momento di presentazione dell'offerta didattica e scientifica alle potenziali aspiranti matricole, una occasione utile anche per evidenziare le eccellenze ed il gran lavoro che sta facendo il Dipartimento.
    • Anche nel 2016, come di consueto, si è svolto il tradizionale orientamento in ingresso, realizzato attraverso incontri presso gli Istituti di Istruzione Secondaria Superiore e "Giornate di Orientamento" in Dipartimento per gli studenti delle scuole medie superiori al fine di presentare l'offerta formativa universitaria ed illustrare l'organizzazione didattica e gli sbocchi occupazionali del CdS. La piena disponibilità dell'intero corpo docente all'iniziativa anche quest'anno ha consentito non solo di promuovere numerosi incontri presso Istituti scolastici presenti sul territorio ma anche di favorire iniziative di accoglienza di numerose scolaresche nella sede didattica dipartimentale, così assecondando un'accresciuta richiesta di orientamento.

    L'esistenza di una specifica sezione "Orientamento in ingresso" nel sito web di Dipartimento al seguente link è di sostegno alle scelte dello studente nell'approccio al percorso formativo. Allo stesso link è riportata la brochure utilizzata per la promozione del corso di studio durante le attività di orientamento.

    Nel mese di gennaio 2016 - a seguito di selezione per il conferimento di assegni annuali retribuiti di 50 ore ciascuno per l'incentivazione delle attività di tutorato e per attività didattico-integrative, propedeutiche e di recupero - hanno preso servizio presso il CdS:

    • n. 13 tutor di tipologia A (iscritti al 4°, 5° anno del CdS) che, in base ad un calendario prestabilito, stanno svolgendo ricevimento con lo specifico compito di: orientare e assistere gli studenti del CdS; rimuovere eventuali ostacoli ad una proficua frequenza dei corsi e ad un'attiva partecipazione a tutte le attività formative anche attraverso iniziative rapportate alle necessità, alle attitudini ed alle esigenze dei singoli; svolgere altre attività di orientamento e tutorato da concordare con la Commissione Orientamento.
    • n. 12 tutor di tipologia B (iscritti ai corsi di dottorato di ricerca e della SSPL), che, in base ad un calendario prestabilito, stanno svolgendo ricevimento con lo specifico compito di rimuovere eventuali ostacoli all'apprendimento delle materie d'esame, attraverso attività propedeutiche e di recupero, fornire supporto all'attività didattica, attraverso interventi didattico-integrativi, svolgere attività di orientamento e tutorato da concordare con la Commissione Orientamento.


    A supporto dell'orientamento in ingresso presso l'Ateneo è attivo il centro SOF-Tel (Centro di Ateneo per l'Orientamento, la Formazione e la Teledidattica) che mette a disposizione:

    • La banca dati degli istituti superiori della Regione Campania Hermes
    • la rete delle scuole della provincia di Napoli
    • Il programma I.U.S.(Integrazione didattica Università - Scuole superiori)
    • Il programma di Orientamento Formativo (Pr.O.F.)
    • I gruppi di lavoro
    • Il test di autovalutazione
  • Servizi Aggiuntivi:

    L'Ateneo offre servizi di orientamento all'ingresso, servizi di tutorato in itinere e di incentivo alla mobilità degli studenti in ambito europeo attraverso il programma Erasmus. Il programma di orientamento al lavoro si propone di agevolare l'inserimento nel mondo produttivo dei giovani laureati. Sono offerti, inoltre, dall'Ateneo servizi informatici, servizi di consultazione bibliografica e servizi di sostegno allo studio universitario.

  • Per approfondimenti:
Scheda SUA/CdS A.A. 2016/17
Scheda SUA/CdS A.A. 2017/18
  • Informazioni utili

Regolamento didattico vigente A.A. 2017/2018

Ordinamento didattico vigente A.A. 2017/2018

Regolamenti e ordinamenti precedenti

Schede descrittive degli insegnamenti

Descrizione del Corso di laurea sul sito del MIUR Universitaly.it